Crometro per nuoto: dettagli e descrizioni

Ami nuotare e sei alla ricerca del cronometro perfetto per monitorare i tuoi progressi?

Sei nel posto giusto. In questo articolo, infatti, oltre a offrirti una panoramica circa il funzionamento del cronometro e le diverse caratteristiche tecniche che puoi trovare nei diversi modelli, ti parleremo anche nel dettaglio del cronometro per nuoto.

Non ti resta che metterti comodo e proseguire nella lettura di questo articolo!

Perché acquistare un cronometro è così importante?

I cronometri sono gli strumenti principali per monitorare non solo il tempo totale di un evento, ma anche per avere dei risultati circa il tuo tempo medio, il tuo tempo in una data frazione del percorso e il tempo di giro.

Questo strumento è utilissimo sia che tu venga allenato da qualcuno sia che tu faccia tutto da autodidatta o sia abbastanza esperto da non aver bisogno di un supervisore.

Soprattutto per quanto riguarda il nuoto, è molto comune vedere l’allenatore seguire il proprio atleta a bordo vasca cronometrando il suo tempo; allo stesso tempo, usando un modello da polso anche lo stesso atleta potrà valutare autonomamente i propri progressi.

Quali sono i migliori cronometri disponibili sul mercato

Vuoi acquistare un cronometro? La prima cosa che devi fare è quella di orientarti immediatamente verso i modelli al quarzo.

Si tratta infatti dei cronometri più affidabili e precisi messi oggi a tua disposizione.

Sebbene le tipologie di cronometri al quarzo siano tre, una non ci interesserà in questo articolo: stiamo parlando del cronometro digitale con schermo LED, solitamente presente nelle palestre che possono ospitare le sue grandi dimensioni e gestire il suo elevato consumo energetico.

Le altre due tipologie, ovvero i cronometri analogici e quelli digitali con display LCD, sono invece decisamente interessanti per i nuotatori e i loro allenatori.

Il funzionamento di un cronometro analogico

I cronometri analogici funzionano grazie alla presenza del quarzo inserito in un sistema oscillatorio. Questo minerale riesce così a produrre una determinata frequenza vibratoria.

Tale frequenza viene dimezzata sino a raggiungere 1 Hz e poi amplificata di modo che possa raggiungere un piccolo motore elettrico collegato agli ingranaggi. Di conseguenza, sarà possibile il movimento delle lancette.

Il cronometro analogico da polso

Il cronometro analogico da polso non è utilissimo per gli allenamenti di nuoto. Si tratta infatti di uno strumento integrato in un classico orologio dove, oltre al quadrante principale, troverai tre quadranti secondari.

Uno è dedicato alle ore, uno ai secondi e uno ai minuti.

Appare evidente come effettuare un allenamento usando un modello di questo tipo possa essere inutilmente complesso e poco intuitivo.

I cronometri analogici manuali

I cronometri analogici manuali, invece, sono spesso utilizzati dagli allenatori per prendere i tempi dei propri atleti soprattutto quando si tratta di gare corte e veloci.

La struttura è formata da un quadrante principale con due lancette e due giri di numeri (uno che arriva al minuto e l’altro che si ferma a 30 secondi) e un quadrante secondario in grado di misurare sino a quindici minuti.

L’uso è semplice e intuitivo. Sulla parte superiore del cronometro ci sono due oppure tre tasti: uno per far partire la misurazione, uno per bloccarla e uno per azzerare il risultato.

I cronometri analogici sono molto resistenti, affidabili e necessitano di ricarica manuale.

Il funzionamento di un cronometro digitale

Anche i modelli digitali funzionano grazie all’inserimento del quarzo in un sistema oscillatorio.

Tuttavia, i cronometri digitali trasferiscono la frequenza vibratoria del quarzo a un microprocessore il quale è poi in grado di convertire i risultati in valori digitali.

I cronometri digitali da polso

A differenza dei cronometri analogici da polso, i cronometri digitali da polso sono molto utili per il nuoto. Infatti, i risultati vengono restituiti in modo chiaro e semplice direttamente sullo schermo, il quale può avere diverse righe di visualizzazione.

Ciò significa che, a seconda del modello che avrai scelto, potrai vedere più parametri in contemporanea sul display. E dato che i cronometri digitali da polso hanno delle funzioni aggiuntive molto interessanti, potrai decidere quali avere sempre sotto controllo nella schermata principale.

Per esempio, oltre al tempo totale di nuoto potrai conoscere il tuo ritmo medio, il tempo impiegato in ogni frazione (per esempio nei 50 m o 100 m), le calorie bruciate e la frequenza cardiaca.

I cronometri digitali manuali

I cronometri digitali manuali sono praticamente identici a quelli analogici, ma cambia naturalmente la visualizzazione sullo schermo. Anche qui, avrai sotto i tuoi occhi le cifre in formato digitale.

I tasti presenti sono sempre quello di start e stop nonché quello di reset. In aggiunta, avrai però una piccola torcia integrata e uno schermo retroilluminato, entrambi molto utili in caso di scarsa visibilità.

I cronometri digitali da dito

Per il nuoto, però, esiste anche un particolare tipo di cronometro digitale: stiamo parlando di quello da dito.

La struttura è molto semplice. Questo cronometro è di dimensioni molto ridotte e ha un cinturino e un piccolo schermo. Sistemandolo attorno al dito indice della mano, non dovrai fare altro che sfiorare il cronometro con il pollice a ogni fine vasca per far sì che lui conti automaticamente il numero di vasche nuotate.

Questa soluzione, piccola e pratica, è l’ideale qualora non si fosse interessati ad avere un’eccessiva mole di informazioni; potrai sapere le vasche fatte, il tempo e i chilometri totali.

Qual è il miglior cronometro per nuoto?

Cerchiamo adesso di rispondere alla domanda più importante: qual è il miglior cronometro per nuoto?

Senza ombra di dubbio è il cronometro digitale. Infatti, i cronometri analogici da polso non sono idonei, mentre quelli manuali possono essere sostituiti facilmente dai cronometri digitali manuali; sebbene questi ultimi non siano all’altezza dal punto di vista dell’eleganza e della resistenza, sono superiori in fatto di comodità, funzionalità e facilità di lettura.

Gli strumenti migliori, tuttavia, sono i cronometri digitali da polso. Non solo per la possibilità di poter monitorare in autonomia i propri tempi, ma soprattutto per la presenza di queste caratteristiche fondamentali:

  • sono antipolvere
  • sono impermeabili
  • possono reggere a una pressione sino a 50 bar
  • puoi memorizzare i tuoi tempi grazie a una memoria interna

In ultimo, ricorda che i migliori cronometri sono quelli più precisi: scegli sempre modelli dotati di certificazione COSC.

Cosa aspetti? Entra in acqua con il tuo cronometro nuovo di zecca!

Nata in un piccolo paese della Sardegna e poi trapiantata a Roma, ho cercato di rendere la mia passione per la scrittura un lavoro. Mi divido tra redazione, festival, televisione, scrittura per il web e sono appassionata di beauty, fitness, benessere della persona e cura della casa. In una parola: comunicazione. Così cerco di impostare il mio lavoro e la mia quotidianità.

Back to top
menu
migliorecronometro.it